andrea

13 Marzo 2020

Nessun commento

Pagina iniziale Blog

Assunzioni agevolate in apprendistato di primo livello dal 01 gennaio al 31 dicembre 2020

Assunzioni agevolate in apprendistato di primo livello dal 01 gennaio al 31 dicembre 2020

Per i datori di lavoro che, dal 01 gennaio al 31 dicembre 2020, assumono giovani – dai 15 ai 25 anni
non compiuti – con contratto di apprendistato di I livello (art. 43 D. Lgs. 81/2015), la Legge di bilancio
per l’anno 2020 ha previsto:
– per le imprese con requisiti dimensionali pari o inferiore a 9 dipendenti: 0% dell’aliquota
imponibile, inerente i periodi contributivi maturati nei primi tre anni di contratto;
– per le imprese con requisiti dimensionali sopra i 9 dipendenti: 5% aliquota contributiva per
l’intera durata del rapporto di apprendistato.
L’aliquota è calcolata sulla retribuzione effettivamente erogata all’apprendista1
.
Inoltre, la Legge n. 205/17 (Legge di bilancio 2018) ha previsto l’estensione degli incentivi di cui
all’art. 32 del D. Lgs. 150/2015, ovvero il datore di lavoro usufruisce di:
– sgravio del pagamento dei contributi della NASPI dell’1,31%, di cui all’art. 42 co. 6, lett. f, del D.Lgs.
n. 81/2015;
– cancellazione del contributo integrativo dello 0,30%, ex art. 25 L. 845/1978 per i Fondi
Interprofessionali;
– abolizione del contributo previsto a carico del datore di lavoro in caso di licenziamento
dell’apprendista dall’art. 2 co. 31 e 32 L. 92/2012 (cd. ticket di licenziamento).
Sotto il profilo fiscale, il costo degli apprendisti è escluso dalla base per il calcolo IRAP, ai sensi
dell’art. 11, co. 1 lett. a) n.5 del D. lgs. n. 446/1997.
L’aliquota contributiva a carico dell’apprendista è pari al 5,84% della retribuzione imponibile, per
tutta la durata del periodo di formazione.
Diversamente, per i periodi contributivi maturati negli anni di contratto successivi al terzo
anno, l’aliquota di contribuzione a carico del datore di lavoro è pari al 10%.
Nella stessa fattispecie, il datore di lavoro è altresì tenuto al versamento dell’aliquota di
finanziamento della NASpI nella misura dell’1,31% e del contributo integrativo destinabile al
finanziamento dei Fondi Interprofessionali per la formazione continua pari allo 0,30%.
In caso di prosecuzione del rapporto di lavoro, da apprendistato a “tutele crescenti”
La Legge n. 205/2017 (art. 1, c. 100-108 e 113-115) ha previsto (e ancora permane) un esonero dei
contributi previdenziali, in favore dei datori di lavoro privati (con esclusione di quelli per il lavoro

SCARICA L’ALLEGATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *